LAIV
Fondazione Cariplo

12. Sostenibilità economica e reti tra scuole

12.1 Il progetto di laboratorio deve prevedere un costo complessivo annuo contenuto in modo da poter essere economicamente sostenibile, anche dopo l’esaurimento del contributo della Fondazione Cariplo. È importante perseguire tutte le possibili fonti di finanziamento su apposite leggi scolastiche, individuare chi può occuparsi del reperimento fondi extra scuola, attivare strategie che:

  • - rendano visibile il laboratorio nei suoi valori e risultati prima di tutto nella comunità di riferimento (genitori e associazioni del territorio),
  • - facilitino la costruzione di una rete di scuole al fine di ottenere un impatto maggiore verso possibili interlocutori istituzionali,
  • - tengano conto dei costi irrinunciabili del progetto, dei suoi punti di forza e delle tempistiche utili per reperire finanziamenti,
  • - valutino come possibile forma di sostegno la messa a disposizione di apporti tecnici o in natura che abbattano i costi economici del progetto.

Dal punto di vista del reperimento dei fondi il laboratorio in corso è il miglior biglietto da visita per aggregare attorno a sé forze che ne possano sostenere lo sviluppo.

12.2 Il budget preventivo deve privilegiare i costi per prestazioni di personale (retribuzione dell’operatore e dei membri dell’équipe) rispetto a quelli per effettuare interventi strutturali o per acquistare arredi/attrezzature direttamente riferibili al progetto. Deve tuttavia riservare a tali voci una quota di risorse al fine di salvaguardare la qualità del lavoro da svolgere nel laboratorio.

12.3 Il laboratorio viene progettato in modo da favorire la comunicazione tra la scuola e il territorio di riferimento, coinvolgendo le organizzazioni e le varie forme di aggregazione della società civile, nonché gli enti territoriali.

12.4 Il progetto di laboratorio è aperto al collegamento con altri Istituti nelle forme più libere. Questi possono fare parte della rete LAIV già esistente oppure no; nel secondo caso, possono essere coinvolti in base alla vicinanza territoriale, al tipo di laboratorio avviato, al tema scelto, ecc. anche al fine di condividere informazioni ed esperienze acquisite e di individuare/modellizzare buone pratiche o strumenti di elaborazione.